Il curioso caso di AriseBank

La scorsa settimana la SEC ha fatto irruzione negli uffici e nelle case degli ufficiali della startup di criptovaluta AriseBank. AriseBank era nel mezzo della sua ICO per la sua moneta AriseCoin (ACO) e la SEC sostiene che la società vendeva in modo improprio un titolo.

Tutti i beni e l’hardware di AriseBank sono stati sequestrati. Il CEO Jared Rice ha dato un recente intervista che descrive il raid. “Mi sono svegliato con le pistole puntate contro di me. Quindi, sai, metti le mani dove possiamo vederle, quindi ovviamente l’abbiamo fatto. È stato piuttosto strano. All’inizio non sapevamo nemmeno perché fossero qui. Ci hanno comprato fuori, ci hanno ammanettato “.

Ciò è avvenuto dopo che il 5 gennaio il Dipartimento bancario del Texas ha emesso un ordine di cessare e desistere comunicato stampa del 26 gennaio. Il commissario, Charles G. Cooper, si è opposto alla AriseBank utilizzando la parola “banca” nel suo nome. Avevano tempo fino al 26 per richiedere un’audizione e, invece, hanno inviato una lettera al Commissario Cooper dicendo che si rifiutano di rispettare l’ordine in quanto non si sentivano in violazione degli statuti del Texas. Leggi la lettera completa Qui.

Non sono un esperto legale, né entrerò nelle ramificazioni legali di questo caso perché non sono qualificato per offrire anche l’analisi più rudimentale. In piena divulgazione ho acquistato una piccola quantità di AriseBank ICO per curiosità. Quello che mi interessa è la gravità della risposta sia da parte dello Stato del Texas che della SEC.

Sorgono sfide

Il modello di business dichiarato di AriseBank di una piattaforma decentralizzata di banking, trading e forex è rivoluzionario. Solo per questo motivo non potevo non scommetterci sopra. Ma, allo stesso tempo, ho anche visto che ha messo la società esattamente nel mirino dei regolatori. Il settore bancario è il pilastro più importante della base di potere del governo, non fraintendeteci. Quindi, hanno motivo di chiudere qualsiasi sfida diretta al sistema bancario prima che venga capitalizzato anche marginalmente.

La SEC ha emesso una direttiva l’anno scorso che dichiara la maggior parte delle ICO come titoli e quindi devono essere regolamentate come tali. Questa è stata la ragione dichiarata per il raid. La SEC non è d’accordo con l’affermazione di AriseBank secondo cui AriseCoin è un “token di utilità” utilizzato all’interno della rete di servizi di AriseBank. A quanto pare, il raid è avvenuto senza alcun preavviso da parte della SEC. Gli agenti si sono appena presentati con gli AR-15, hanno ammanettato le persone e hanno confiscato tutto.

C’è sicuramente un’area grigia qui. Posso capire il punto della SEC, ma la risposta è stata progettata per creare la massima paura nella cripto-comunità, non per proteggere i consumatori. Questa è un’organizzazione che schiaffeggia le più grandi banche del mondo con una multa dello 0,01% dopo aver rubato centinaia di miliardi di dollari.

Sono la definizione stessa di acquisizione normativa, con la maggior parte dei dipendenti che cerca di usarla come trampolino di lancio per un grande lavoro a Wall Street in seguito. Negli Stati Uniti, i tribunali decideranno quasi sicuramente a favore della SEC. La maggior parte degli investitori non si è concentrata sui cambiamenti ai modelli di business esistenti offerti dalla decentralizzazione delle criptovalute.

Pensi davvero che le autorità di regolamentazione e i giudici che hanno un interesse acquisito nel mantenere lo status quo daranno un ascolto equo a questo? Quindi, sembra quasi che AriseBank sia stata creata al solo scopo di contestare la SEC sulla legge sui titoli e le autorità di regolamentazione bancaria statale sulla definizione di ciò che costituisce una banca.

Avrebbero potuto facilmente conformarsi allo Stato del Texas sin dall’inizio e semplicemente chiedere un’audizione. Ciò avrebbe rimandato qualsiasi potenziale azione da quella strada fino a quando non fosse stata fissata una data per l’udienza. La loro risposta allo Stato del Texas, sebbene appassionata, fu al massimo dilettantistica. Mi ricorda la risposta dei ragazzi della NORFED quando gli uffici di Liberty Dollar furono perquisiti nel 2007. Citando la Costituzione e invocando il concetto di schiavitù bancaria non ti conquisterà alcun amico nelle alte sfere.

In effetti, farà in modo che si abbattano su di te il più duramente possibile. Non ha molto senso strategico entrare immediatamente in modalità di confronto completo con lo Stato del Texas a meno che quello non fosse il tuo piano fin dall’inizio.

Domande in abbondanza

In effetti, perché incorporare nello Stato del Texas o in qualsiasi altro stato degli Stati Uniti se il tuo obiettivo era costruire la prima banca veramente decentralizzata del mondo? Gli Stati Uniti hanno le leggi bancarie e sui titoli più ostili al mondo. Sono il motivo per cui molti scambi di criptovalute straniere si rifiutano di fare affari con cittadini americani. Leggi come FATCA rendono molto costoso soddisfare la clientela statunitense per le società di servizi finanziari estere.

Quindi, potrebbe essere stata l’idea fin dall’inizio che una parte dei fondi ICO di AriseBank dovesse essere utilizzata per combattere una battaglia legale per l’esistenza. Ma sto solo speculando qui. Questa è una società che cerca di raccogliere fino a $ 1 miliardo. E sembrava che fossero sulla buona strada per farlo.

Se eri pronto a costruire una banca decentralizzata multimiliardaria, la prima del suo genere, allora perché farlo nell’ambiente più ostile a questa idea del pianeta? E che tipo di consiglio legale consentirebbe al suo cliente di inviare la lettera al Commissario bancario del Texas che lo ha fatto?

L’intera cosa sembra sospetta. Ma non in un modo che inviti le prime affermazioni che AriseBank è / era una truffa. Quei post sono là fuori, ma le loro affermazioni sono ancora più fragili delle giustificazioni per le azioni di tutti in questo caso. No, il caso curioso di AriseBank è che l’establishment ha appena dato una mancia su quanto siano disperati per fermare la cripto-rivoluzione nelle sue tracce prima che vada molto oltre. Ci saranno più raid, più attacchi alle case delle persone per le loro chiavi private del cripto-wallet, ecc.

Non so se AriseBank sia morta, ma so che il prossimo tentativo di una banca decentralizzata non sottovaluterà il tempo di risposta di coloro il cui potere sfidano.

Immagine caratteristica tramite BigStock.