Rompere la confusione intorno a SegWit2x

Questo argomento controverso ha lasciato perplessi investitori, utenti e organizzazioni. Molti nella comunità di Bitcoin hanno espresso le loro opinioni sulla questione, hanno preso le loro decisioni e hanno sostenuto a favore o contro SegWit2x. Con buoni argomenti a favore di entrambe le parti, ora spetta agli utenti cercare di capire questa situazione, al fine di prendere una decisione sui loro Bitcoin.

Questo articolo è qui per buttarne via alcuni la confusione. Ha lo scopo di fornire chiarezza e comprensione degli effetti (e delle possibilità) della scelta che gli utenti ei proprietari di Bitcoin dovranno fare a novembre. Per raggiungere questo obiettivo, esamineremo entrambi i lati dell’argomento, quelli che sostengono l’hard-fork e quelli che si oppongono.

Alla fine di questo articolo, troverai una serie di link per ulteriori letture e visione. Queste sono tutte le fonti che sono state utilizzate per generare questo rapporto e cerco di fornire la mia opinione onesta e concreta della situazione di Segwit2x così come la stiamo affrontando oggi.

Tutto è iniziato a New York.

Con il accordo che è successo il 23 maggio 2017 a New York City, è stata stabilita una reazione a catena, che ha raggiunto il picco con il lock-in SegWit tramite BIP91 questo agosto e la creazione di Bitcoin Cash tramite UAHF solo poche ore dopo.

Nell’ambito della conferenza Consensus 2017, diverse organizzazioni leader di Bitcoin hanno concordato i seguenti due passaggi:

  1. Attiva Segregated Witness alla soglia dell’80%, segnalazione al bit 4
  2. Attiva un hard fork da 2 MB entro sei mesi

I membri del team di sviluppo di Bitcoin Core non hanno partecipato a questo accordo né lo hanno co-firmato, anche se sono stati invitati. C’erano alcune preoccupazioni espresse su SegWit nelle loro mailing list, che puoi trovare in un collegamento nella sezione seguente.

Questo accordo è stato stipulato tra società blockchain che forniscono principalmente mining, soluzioni di pagamento e servizi di portafoglio. La forza trainante dell’accordo era il Digital Currency Group, rappresentato da Barry Silbert. Con il primo passaggio completamente bloccato, e Segwit si attiva poco dopo, ci stiamo avvicinando alla scadenza per l’aumento della dimensione del blocco di 2 MB, un hard fork che dovrebbe avvenire a metà novembre.

Disaccordo da parte degli sviluppatori di Bitcoin Core.

SegWit2x è il risultato dell’accordo di New York con cui molti membri del Bitcoin Core Development Team non sono d’accordo, come illustrato da la loro dichiarazione creato per risolvere informazioni fuorvianti riguardanti il ​​progetto GitHub BTC1 e il coinvolgimento con SegWit.

Approfondendo la mailing list di Bitcoin Core, abbiamo trovato un file conversazione dove sono state sollevate alcune preoccupazioni in merito alla necessità di forzare l’adozione di SegWit (BIP 148 – attivazione obbligatoria di SegWit) e se esiste un valore reale nel perseguire quella stringa di sviluppo.

Parlare con diversi collaboratori di Bitcoin Core sul loro Slack ha rivelato alcune opinioni in merito. Credono che ciò che viene spinto in questo momento sia un attacco a Bitcoin, e se dovesse rimanere incontrastato potrebbe mettere a rischio l’integrità dell’intera rete.

Il problema principale.

SegWit è un aggiornamento legittimo alla rete Bitcoin che faciliterà molti miglioramenti, come il Rete fulmini. È stato sottoposto a peer review e sanzionato dal Bitcoin Core Developer Team.

SegWit2x è una proposta diversa che vuole modificare il limite di dimensione del blocco per l’intera rete e non ha compatibilità con le versioni precedenti, ovvero renderebbe obsolete le versioni precedenti del software e i loro blocchi non validi per il resto della rete.

Come illustrato da questo articolo a partire dal Eric Lombrozo, un collaboratore del team di sviluppo afferma: “Alla fine del 2015 l’inquadratura era diventata così grave che le persone urlavano solo per 2 MB, punto. È come in un’improvvisa frenesia, l’intera popolazione attorno a una centrale nucleare decide di dover raddoppiare le dimensioni del suo reattore principale per stare al passo con la domanda, senza considerare gli effetti che potrebbero avere sul corretto funzionamento della centrale elettrica. Voglio dire, cosa potrebbe andare storto, giusto? “

Di tutti i pool di mining, solo Slush Pool e F2pool non segnalano il supporto per SegWit2x. Abbiamo usato questo sito web come fonte di queste informazioni.

Personalmente, vorrei rimanere fuori dalle questioni politiche e credo che questa sia una questione politica al centro. Cioè Chi ha il potere su Bitcoin e la cui tecnologia procederà ad essere implementata come client di riferimento in futuro.

Il potere delle decisioni.

Il potere di Bitcoin attinge dal consenso raggiunto sullo stato del libro mastro. BIP148 ha proposto un’idea significativamente diversa, in cui il consenso viene raggiunto anche sulla base di nodi non minerari che segnalano il supporto SegWit. Ciò porterebbe a un cambiamento fondamentale nel modo in cui viene raggiunto il consenso su Bitcoin, ed è una classica tattica di negoziazione “piede nella porta”.

Lascerà la porta aperta per ulteriori modifiche alle regole di consenso di Bitcoin e, con ciò, potrebbero apparire ancora più cambiamenti che influenzano il modo in cui viene raggiunto il consenso della rete. Sebbene sia un sostenitore dell’innovazione, sono anche un forte sostenitore di “Non romperlo se funziona”.

Sicuro di dire, Bitcoin illustra il peso delle decisioni nella vita reale e le decisioni prese il giorno dell’hard fork saranno scritte per sempre nella blockchain.

Partecipa: le prime elezioni blockchain al mondo

Piaccia o no, alla fine gli utenti hanno il potere.

Queste aziende vanno a porte chiuse per prendere decisioni e accordi su una rete di pagamento in cui investono migliaia di persone. Il motivo per cui tutte queste persone hanno investito in Bitcoin è a causa delle capacità come rete di pagamento, in grado di trascendere i confini in questo mondo diviso in politiche (fornendo loro una soluzione di pagamento a basso costo).

Ora, questa affermazione viene messa alla prova.

Dal mio punto di vista personale, i miner seguiranno senza dubbio gli utenti e soprattutto l’attività di mercato come strumento per fare la scelta corretta su quale rete supportare (in caso di hard fork).

Con il Bitcoin Core Development Team in disaccordo con SegWit2x, è altamente probabile che una qualche forma di divisione avverrà il giorno del fork

Quello che accadrà dopo sarà deciso da una combinazione di fattori, ma il principale sarà su quale rete avrà luogo la maggior parte delle transazioni. Considerando il lungo elenco di aziende che supportano SegWit2x, sarebbe necessaria una quantità sufficiente di consenso degli utenti per ottenere un potere abbastanza forte da guidare le decisioni in questo ecosistema.

Finora, gli utenti sono stati gli stakeholder più sottovalutati in Bitcoin, con molti di loro per lo più disinteressati a come la rete continua a svilupparsi e quali cambiamenti vengono implementati, purché i loro soldi siano al sicuro.

Quello che sto cercando di dire è che sono in gioco i tuoi soldi e vorrei sapere quale sarebbe la migliore linea d’azione per continuare da questo punto. Sfortunatamente, non so dire quale, quindi alla fine la decisione spetta a te. Tuttavia, mi piacerebbe sentire le tue opinioni nella sezione commenti. Stai supportando o opponendo SegWit2x? Quali sono state le ragioni della tua decisione?

Ulteriore lettura

Come promesso all’inizio dell’articolo, ecco l’elenco delle fonti che hanno contribuito a creare questo articolo e che potrebbero aiutarti a prendere una decisione su SegWit2x: