La SEC chiarisce la sua posizione su criptovalute e ICO

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti si è mossa per chiarire la sua posizione sia sugli ICO che sul mercato delle criptovalute in generale. Molti nella comunità delle criptovalute considerano un giro di vite della SEC sulle attività all’interno del settore come qualcosa di inevitabile. Tuttavia, a giudicare dalle recenti dichiarazioni della Commissione dichiarazione pubblica, potrebbe esserci davvero poco da temere.

Protezione degli investitori

La SEC dichiara la sua missione di proteggere gli investitori, mantenere mercati equi, ordinati ed efficienti e facilitare la formazione di capitale. La SEC supervisiona i principali partecipanti al mondo dei titoli, che comprende borse valori, broker e dealer, oltre a consulenti per gli investimenti e fondi comuni di investimento. La SEC si occupa principalmente della promozione e della divulgazione di importanti informazioni relative al mercato, oltre a mantenere un comportamento corretto e fornire protezione dalle frodi. E ogni anno, l’agenzia porta centinaia di azioni di esecuzione civile contro individui e società che violano le leggi sui titoli.

La SEC ha rivolto ancora una volta la sua attenzione al mondo delle criptovalute e ha rilasciato un file dichiarazione rivolto a quelli che vengono definiti “investitori principali” e “professionisti del mercato”. Il messaggio generale è stato piuttosto positivo, come ha affermato il presidente Jay Clayton: “Credo che le offerte iniziali di monete, indipendentemente dal fatto che rappresentino offerte di titoli o meno, possano essere modi efficaci per gli imprenditori e altri per raccogliere fondi, anche per progetti innovativi”.

Ha continuato aggiungendo che “Qualsiasi attività di questo tipo che comporti un’offerta di titoli deve essere accompagnata dalle informazioni importanti, dai processi e da altre tutele degli investitori richieste dalle nostre leggi sui titoli. Un cambiamento nella struttura di un’offerta di titoli non cambia il punto fondamentale che quando viene offerto un titolo, le nostre leggi sui titoli devono essere seguite “.

Per quanto riguarda la Commissione, mentre ci sono criptovalute che non agiscono come titoli, ce ne sono altre che lo fanno e tutti i token che incorporano caratteristiche che consentono potenziali profitti basati sugli sforzi imprenditoriali o gestionali di altri contengono i tratti distintivi di un titolo sotto Legge statunitense.

La SEC invita professionisti del mercato come avvocati specializzati in titoli, contabili e consulenti per aiutare a mantenere gli standard richiesti e ricorda inoltre a tutti i team dietro criptovalute e ICO che devono essere in grado di dimostrare che la loro valuta o prodotto non è una sicurezza e rispetta anche registrazione applicabile e altri requisiti ai sensi delle leggi sui titoli.

Per quanto riguarda Main Street Investors, la SEC ribadisce una serie di avvertimenti e si aspetta inoltre che le persone effettuino ricerche approfondite su qualsiasi progetto a cui potrebbero essere interessati. Poiché attualmente non ci sono ICO fino ad oggi registrati presso la SEC, la Commissione considera la criptovaluta settore in quanto offre maggiori opportunità di frode e manipolazione rispetto ai mercati finanziari più tradizionali.

Di conseguenza, la SEC continua a emettere avvisi per gli investitori, bollettini e dichiarazioni sulle offerte iniziali di monete e sugli investimenti relativi alle criptovalute e sollecita tutti i membri della comunità a tenersi al passo con i loro aggiornamenti. Gli investitori al dettaglio sono inoltre invitati a rimanere vigili e ad agire con maturità riguardo a qualsiasi potenziale investimento. Quando si tratta di ICO, oltre ai normali rischi che accompagnano qualsiasi investimento finanziario, c’è anche il fatto che i fondi investiti in ICO possono attraversare i confini nazionali e finire all’estero. Esiste la possibilità che la SEC e altre autorità di regolamentazione del mercato non siano in grado di perseguire efficacemente i cattivi attori o di recuperare fondi.

La posizione assunta dalla SEC richiede essenzialmente ai professionisti del settore di seguire le migliori pratiche e agli individui di esercitare il buon senso quando effettuano investimenti ed è lontana dall’approccio pesante che alcuni nella comunità avevano temuto.

Intervento della SEC

L’anno scorso la SEC è intervenuta in diverse occasioni per porre fine alle ICO che violavano i regolamenti. A dicembre, la SEC annunciato che Munchee Inc. aveva fornito rimborsi ai suoi investitori dopo che l’agenzia aveva concluso che la vendita simbolica costituiva l’offerta e la vendita di titoli non registrati.

Poco prima di questo, l’agenzia ha presentato un file causa per frode contro gli organizzatori della vendita di token PlexCoin dopo che è emerso che l’ICO prometteva un profitto di 13 volte in meno di un mese. La SEC ha ottenuto un congelamento delle risorse di emergenza per fermare l’ICO di PlexCoin dopo che è riuscita a raccogliere fino a $ 15 milioni promettendo di ottenere un profitto dell’1,354% in meno di 29 giorni.

Il progetto è stato guidato dalla coppia con sede in Quebec di Dominic Lacroix e Sabrina Paradis-Royer, e una denuncia contro il duo è stata presentata alla corte federale di Brooklyn, New York dopo che si è ritenuto che commercializzassero e vendessero titoli via Internet agli investitori negli Stati Uniti e in altre giurisdizioni.

Mentre a settembre, la SEC ha annunciato di averlo fatto porre fine alla REcoin Group Foundation e ai progetti Diamond Reserve Club dopo che è stato scoperto che avevano promesso agli investitori considerevoli ritorni sugli investimenti sostenuti da immobili e diamanti nonostante nessuna delle due società fosse effettivamente impegnata in operazioni reali.

Immagine in primo piano tramite Bigstock.