Cosa sono gli Smart Contracts di Ethereum e come funzionano?

Da quando è stato proposto per la prima volta nel 2013 dal suo creatore, Vitalik Buterin, Ethereum è riuscita a crescere in modo esponenziale e diventare un serio concorrente di bitcoin e altre valute digitali. Per coloro che non lo sanno, vale la pena sottolineare che Ethereum è una rete informatica pubblica, distribuita basata su blockchain che offre anche funzionalità di contratto intelligente.

Ciò si ottiene attraverso la sua macchina virtuale decentralizzata conosciuta con il nome di Ethereum Virtual Machine o EVM, e che può eseguire varie forme di contratti peer-to-peer (P2P), purché sia ​​alimentato con ether, che è proprio di Ethereum. valuta digitale. Vitalik ha avuto l’idea di costruire Ethereum dopo aver discusso con gli sviluppatori del core bitcoin e aver detto loro che la piattaforma necessita di una piattaforma migliore per lo sviluppo, incluso un linguaggio di scripting più efficiente.

In questo momento, ci sono diverse differenze chiave tra bitcoin Ethereum e Bitcoin, la principale è il fatto che Bitcoin è inteso come una rete blockchain basata sui pagamenti, mentre la rete Ethereum è costruita per facilitare ed eseguire contratti intelligenti. Non solo questo, ma la rete blockchain bitcoin funziona tramite piccole tasse inviate dalle persone che prendono parte alle transazioni. La rete Ethereum è abbastanza simile, poiché Ether è la valuta digitale utilizzata per pagare le commissioni di transazione insieme ad alcuni dei servizi di calcolo offerti sulla rete.

Cosa sono gli smart contract?

Comprendere gli smart contract e come funzionano è essenziale per comprendere veramente l’importanza della rete Ethereum. Con questo in mente, i contratti intelligenti rappresentano applicazioni il cui stato è memorizzato nella blockchain di Ethereum. Con questo in mente, possono servire a vari scopi, tra cui facilitare, verificare o far rispettare l’esecuzione o la negoziazione di un determinato contratto. Fondamentalmente, la rete Ethereum è più simile a un singolo computer condiviso gestito da una vasta rete di utenti che hanno le loro risorse suddivise, ma anche pagate con l’aiuto della valuta Ether. In questo momento, ci sono numerose forme di contratti intelligenti di Ethereum, ma tutti possono essere implementati utilizzando vari linguaggi di scripting di Turing.

Quali sono gli usi degli smart contract?

In questo momento, Ethereum viene utilizzato come piattaforma di scelta per tutte le forme di applicazioni decentralizzate, ma anche contatti intelligenti e organizzazioni autonome decentralizzate, che hanno dozzine di diverse applicazioni funzionanti costruite e operative al momento della scrittura. Lo scopo di queste applicazioni tende a dipendere, ma finora abbiamo visto app che coprono numerose nicchie, come la finanza, la produzione dalla fattoria alla tavola, i prezzi e l’approvvigionamento dell’elettricità, le scommesse sportive e l’Internet delle cose. Numerose aziende hanno anche approfittato della rete Ethereum, e hanno implementato varie forme di software aziendale, che consente loro di rimanere trasparenti, trovando anche modi migliori per svolgere il proprio lavoro.

Problemi relativi a contratti intelligenti

La rete Ethereum e i suoi contratti intelligenti pubblicati sulla blockchain pubblica hanno riscontrato diversi problemi finora. Uno dei più grandi è che la maggior parte dei bug e dei buchi di sicurezza sono disponibili per tutte le persone, ma non possono essere risolti rapidamente a meno che non venga raggiunto il consenso e lo script principale non venga modificato. Ci sono stati diversi attacchi di questa forma, che sono costati alla rete Ethereum milioni di dollari. In effetti, un esempio è l’attacco del giugno 2016 a The DAO, che non è stato possibile fermare. I fondi, infatti, sono stati restituiti in seguito, grazie all’hard fork avvenuto, e che è riuscito a ripristinare la transazione hackerata sulla blockchain di Ethereum. Dopo questo hack, è stato dimostrato che il processo di ricerca ed esecuzione formale di verifiche sulla rete può essere abbastanza difficile da fare nella pratica, a causa della vastità della rete. Ci sono alcuni strumenti sviluppati da aziende come Microsoft, pensati per verificare meglio i contratti. I ricercatori hanno anche concluso che un’analisi su larga scala della rete Ethereum e dei suoi contratti pubblicati potrebbe effettivamente mostrare un’ampia varietà di vulnerabilità.

Essere coinvolti

L’utilizzo di Ethereum può essere inizialmente piuttosto difficile per coloro che non hanno capacità di codifica o una vasta conoscenza delle reti e della meccanica dei computer. Tuttavia, le cose non sono così difficili per coloro che hanno un po ‘di background e sono disposti a imparare Solidity, un ottimo linguaggio di programmazione pensato per i contratti intelligenti. Impararlo può consentire ai programmatori di creare i propri token digitali negoziabili, compatibili con qualsiasi portafoglio e scambio e che possono essere programmati secondo necessità. È anche possibile creare reti e creare vaste applicazioni trasparenti e decentralizzate.

Sulla base di tutto ciò che è stato delineato fino ad ora, il mondo dei contratti intelligenti di Ethereum è stato spesso descritto come difficile da comprendere, ma chi lo vuole veramente sarà in grado di farlo rapidamente. I contatti intelligenti sono ancora all’inizio, ma quando l’era di Internet ha preso il sopravvento nel mondo, diventeranno sicuramente molto più popolari e inizieranno ad essere utilizzati da miliardi di persone in tutto il mondo. Mentre i rapporti hanno infatti affermato che la piattaforma Ethereum potrebbe incontrare problemi sia legali che tecnici, in seguito è probabile che supererà tutti i problemi e prospererà in questo settore del mercato.