Il Venezuela lancia la criptovaluta nazionale

Il governo del Venezuela si è rivolto al mondo delle criptovalute per cercare di rilanciare la sua economia in difficoltà e sfuggire sia ai debiti paralizzanti che alle sanzioni statunitensi. La nazione ricca di risorse si è trasformata in una sorta di pioniere delle risorse digitali emettendo una criptovaluta ufficialmente sostenuta dallo stato.

La soluzione Petro

Nonostante sia un paese benedetto da un’abbondanza di risorse naturali, il Venezuela ha lottato economicamente per un periodo di tempo significativo e la situazione è solo peggiorata.

Il Bolivar ha lottato negli ultimi anni rispetto al dollaro USA, che è la valuta principale utilizzata per il commercio mondiale, e anche ampiamente utilizzata per il commercio all’interno dell’industria petrolifera. Tra il 2015 e il 2017, il dollaro guadagnato circa il 10,768% contro il Bolivar.

Tuttavia, secondo il suo ministero del petrolio, i 5 miliardi di barili di riserve petrolifere del Venezuela possono supportare strumenti finanziari per un valore di 267 miliardi di dollari e il presidente Nicolas Maduro ha annunciato piani per la criptovaluta nazionale Petro alla fine dello scorso anno. La valuta digitale dovrebbe essere sostenuta dalle riserve di petrolio e gas del Venezuela e ha anche portato alla creazione di un nuovo ministero chiamato Registro unico delle miniere digitali. Il ministero sta reclutando individui per aiutare a minare il Petro e secondo Maduro ben 860.800 persone si sono iscritte al programma.

Maduro è stato anche citato da Agencia Venezolana de Noticias come dicendo:

“Voglio annunciare che il Venezuela implementerà un nuovo sistema di criptovaluta basato sulle riserve di petrolio, al fine di avanzare nell’area della sovranità monetaria. Questo ci permetterà di muoverci verso nuove forme di finanziamento internazionale per lo sviluppo economico e sociale del Paese ”.

L’ufficiale Sito web di Petro elaborato ulteriormente, affermando che “Petro è stato creato in modo innovativo, utilizzando i più alti standard nella tecnologia blockchain e nella sicurezza delle informazioni, le rappresentazioni di asset elettronici facilitano il commercio più diretto tra le nazioni emergenti, nonché il lavoro dello Stato nel quadro di una vera finanza e indipendenza economica. “

Pre-vendita di successo

Dopo aver lanciato il Petro la scorsa settimana, il governo venezuelano ha annunciato che la prevendita della criptovaluta supportata dal petrolio, ha attratto $ 735 milioni di investimenti il ​​primo giorno.

La prevendita privata del Petro era prevista per il 20 febbraio e ha attirato due volte un numero di grandi operatori del settore con un totale di 82,4 milioni di token Petro offerti. Per procedere con la vendita, il governo ha anche pubblicato un manuale dell’acquirente e ha affermato che gli acquirenti possono utilizzare “valute forti e criptovalute, ma non bolivar”.

Il vicepresidente, Tareck El Aissami, ha anche confermato che “i token di criptovaluta Petro possono essere acquistati da cittadini venezuelani e da altri cittadini stranieri”.

Le restrizioni sull’utilizzo dei bolivar venezuelani per acquistare il Petro rendono la valuta non disponibile per la maggior parte dei venezuelani e i vertici del paese sperano di attirare investimenti da paesi come il Qatar, la Turchia e la Russia. I potenziali acquirenti dell’asset crittografico sostenuto dallo stato vengono indirizzati a un indirizzo Ethereum fornito dal sovrintendente, Carlos Vargas e gli acquirenti possono utilizzare EtherDelta per effettuare ordini privati ​​per il Petro.

Il valore dell’intera emissione di Petro di 100 milioni di token risulta essere di poco superiore a $ 6 miliardi, e ogni token sarà valutato e supportato da un barile di petrolio greggio venezuelano secondo le informazioni fornite dal presidente Maduro.

Al lancio del Petro, il capo del Venezuela ha esclamato “Oggi sta nascendo una criptovaluta che può sfidare Superman” in riferimento alle lotte in corso del suo paese con gli Stati Uniti d’America.

La strada davanti

L’attuale amministrazione spera che il Petro consentirà al paese di eludere le restrizioni poiché le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea attualmente scoraggiano gli investitori e le istituzioni finanziarie nelle loro giurisdizioni dall’acquisire debito venezuelano di nuova emissione. Questo sostanzialmente impedisce alla nazione di attrarre fondi dall’estero per assimilare qualsiasi nuova valuta forte o per rifinanziare eventuali debiti esistenti.

Il Petro può aiutare il governo ad aggirare l’ecosistema finanziario mondiale consentendo l’elaborazione dei pagamenti commerciali tramite una forma alternativa di valuta.

Tuttavia, l’annuncio è stato accolto con un misto di incredulità e sfiducia nel paese, con i partiti di opposizione all’interno del paese che dubitano della legittimità dello schema.

È interessante notare che l’iperinflazione del paese aveva già spinto i venezuelani a estrarre Bitcoin per permettersi i beni di prima necessità. Con il potere pesantemente sovvenzionato nella regione, l’estrazione mineraria è diventata una pratica più efficiente rispetto al tentativo di ottenere e utilizzare la valuta locale. Di conseguenza, gli abitanti del paese stavano già incorporando seriamente le valute digitali nella loro vita quotidiana.

Gli osservatori più ottimisti sperano che le criptovalute contribuiranno a stimolare l’economia agitata del paese che si è accartocciata sotto il peso delle sanzioni economiche, dell’inflazione e dei prezzi volatili del petrolio.

Il governo è già pronto a liberare una seconda criptovaluta dopo aver lanciato con successo il Petro. Lo ha rilasciato il media venezuelano El Nacional dettagli di una seconda valuta sostenuta dallo stato, “Petro Oro”, che sarà sostenuta dall’oro. L’articolo cita il presidente Nicolas Maduro, che solo una settimana fa ha annunciato:

“Ho intenzione di lanciare la prossima settimana il Petro Oro, sostenuto dall’oro, ancora più potente, che viene a rafforzare il Petro come valuta venezuelana nel mondo delle criptovalute.”

Immagine in primo piano tramite BigStock.