Bitcoin ETF, a Tail Wagging the Dog: intervista con il fondatore di Virtuse Exchange, Ras Vasilisin

Rastislav Vasilisin, originario della Slovacchia, è il fondatore e CEO di Virtuse Exchange, una piattaforma di scambio di criptovalute con sede a Singapore. Con molti anni di esperienza come trader a Wall Street, Ras ha incontrato oggi U. per parlare dell’attuale situazione del mercato delle criptovalute in generale e di Bitcoin Exchange-Traded Fund in particolare.

Piattaforme di scambio e scambio

U.Oggi: Ciao Ras, ora sei il CEO di una piattaforma di scambio di criptovalute. Perché ti sei lasciato alle spalle la vita di un commerciante tradizionale di New York?

Ras: La mia avventura di trading personale è iniziata 23 anni fa a New York come agente di cambio a Wall Street e successivamente come analista finanziario presso Mitsui. Tuttavia, mi sono annoiato con il capriccioso stile di vita aziendale e insieme a un mio amico ho deciso di tornare a Praga nel 2001. Cinque anni dopo, ho co-fondato una società di intermediazione, che è diventata un predecessore del Gruppo Virtuse.

U.Oggi: Al giorno d’oggi, ci sono parecchie piattaforme crittografiche in giro. Qual è l’attrazione di crearne uno? Quanto è davvero impegnativo? In che modo il tuo è diverso?

Ras: Dopo 12 anni come uno dei più grandi commercianti di emissioni di carbonio in Europa e Cina, abbiamo deciso di portare le materie prime nel mondo delle criptovalute. Il commercio di materie prime era stato tradizionalmente il dominio di grandi banche e istituzioni. Gli scambi storici sono in gran parte esclusivi e richiedono grosse garanzie collaterali, commissioni e una vasta esperienza precedente nel trading. Abbiamo deciso di cambiare la situazione e rendere lo spazio più inclusivo per tutti, non solo per lo 0,1% della popolazione mondiale.

Ci sono molte sfide associate all’esecuzione di una piattaforma del genere, ovviamente. I principali sono radicati nella tecnologia, nei regolamenti e nella liquidità. L’ostacolo tecnologico che abbiamo risolto sviluppando la nostra piattaforma all’avanguardia con il contratto intelligente per il trading multi-asset. La liquidità è facilitata dai principali market maker del mondo. E il problema di conformità che abbiamo risolto richiedendo la prima licenza di scambio di criptovalute al mondo, residente a Singapore.

In una frase, Virtuse Exchange è uno scambio di criptovalute che collega i mercati delle criptovalute con trilioni di dollari di titoli finanziari, materie prime e risorse fisiche. Facilitiamo il trading di tutti questi asset su un’unica piattaforma, con investimenti e depositi incrementali minimi. In realtà, un investitore può investire in petrolio, argento o caffè con un solo Bitcoin o Ether. Naturalmente non sono coinvolte banche o intermediari.

U.Oggi: Sembra che l’Asia stia attualmente guidando il mondo per numero di piattaforme di scambio di criptovalute, in termini di quante ce ne sono e quanto sono grandi. Qual è il motivo? E, naturalmente, hai scelto Singapore, che è in Asia, come casa di Virtuse. Non è una coincidenza?

Ras: Ho trasferito la mia famiglia e la sede centrale di Virtuse Group a Singapore 4 anni fa per rimanere vicino alla Cina, il nostro più grande mercato di emissioni. Singapore è il terzo paese più favorevole per gli ICO al mondo e, grazie al leggero tocco sui regolamenti del MAS, gli ICO sono in grado di prosperare a Singapore. Dato che avevo già vissuto a Singapore in precedenza, è stata una scelta ovvia per me in termini di dove lanciare la piattaforma.

Fondi negoziati in borsa Bitcoin

U.Oggi: Quali sono i tuoi pensieri esatti su Bitcoin Exchange-Traded Funds (ETF), di cui sembri essere piuttosto critico?

Ras: C’è sicuramente un enorme appetito di mercato per i fondi negoziati in borsa di Bitcoin. Gli ETF Bitcoin sono inevitabili, ma potenzialmente dannosi a lungo termine.

Negli ultimi decenni, Wall Street ha perfezionato l’arte della finanziarizzazione basata sulla leva. Le banche globali e gli hedge fund di grandi dimensioni hanno effettivamente creato molte volte più crediti finanziari sulle materie prime rispetto alle attività sottostanti, il che ha distorto il meccanismo di determinazione dei prezzi.

Purtroppo, l’ingegneria finanziaria si è già infiltrata anche nei mercati Bitcoin. Grazie ai futures Bitcoin e molti altri prodotti con leva finanziaria basati su scambi, possiamo rilevare l’effetto della finanziarizzazione di Bitcoin. La liquidità giornaliera per le versioni sintetiche di Bitcoin è già di circa $ 15 miliardi, che è tre volte più della liquidità spot giornaliera di Bitcoin di circa $ 5 miliardi.

Man mano che ci avviciniamo alla data della potenziale approvazione degli ETF da parte della Commissione per la sicurezza e gli scambi, vi è un legittimo disagio in relazione a ciò che la finanziarizzazione basata sulla leva potrebbe portare al mercato delle criptovalute.

U.Oggi: Hai detto prima che un ETF Bitcoin potrebbe diventare assolutamente disastroso. Potresti approfondire questo?

Ras: Fammi fare un passo indietro e chiarire. Non è un segreto che il prezzo del Bitcoin abbia raggiunto il suo picco il 17 dicembre 2017, quando CoinMarketCap ha registrato il prezzo aggregato del Bitcoin a 19.535,70. Per coincidenza, questo è stato lo stesso giorno in cui CME (Chicago Mercantile Exchange), il gigante finanziario, ha lanciato il suo trading di futures su Bitcoin.

All’epoca avevo avvertito che i Bitcoin artificiali sotto forma di futures sono IOU regolati in contanti artificiali (riconoscimenti di debito) senza la consegna fisica di Bitcoin. Tutto il denaro istituzionale che scorre in questo “falso Bitcoin” non ha influenzato positivamente il prezzo del Bitcoin. In effetti, lo sta influenzando per lo più in modo opposto, poiché questo flusso diluisce la preziosa scarsità creando artificialmente Bitcoin.

U.Oggi: Di quanto capitale stiamo parlando esattamente qui?

Ras: È una quantità enorme. Nel terzo trimestre di quest’anno, il volume medio giornaliero dei futures su Bitcoin è aumentato del 41% e l’open interest è cresciuto del 19% rispetto al secondo trimestre, secondo il sito CME. Nel terzo trimestre, in media sono stati scambiati 757.950 Bitcoin di carta al mese. Che è circa il 3,6% di tutti i Bitcoin mai esistiti. Tale importo è raddoppiato rispetto al primo trimestre. Il volume medio giornaliero sul posto è di circa 6 miliardi di dollari.

L’introduzione di futures regolati in contanti in altre attività ha causato il calo dello stesso prezzo di mercato. Prendiamo ad esempio il mercato dell’oro, sebbene possano essere utilizzati numerosi altri esempi.

U.Oggi: Anche i prezzi dell’oro sono stati influenzati dal CME in questo modo?

Ras: I mercati dell’oro sono stati in costante calo dal 2011, dal prezzo massimo di circa $ 1.900 a $ 1.230 / oz. CME gestisce COMEX, che è il mercato dei derivati ​​in cui vengono negoziati i futures sull’oro. Il COMEX, attraverso le sue banche di compensazione, fornisce il trading a margine e in media emette oro cartaceo 360 volte superiore rispetto all’oro fisico. Rende la leva 100x di Bitmex con le sue perdite socializzate un gioco da ragazzi.

E tutto questo avviene a spese degli investitori d’oro. Le grandi banche e società di intermediazione possono tecnicamente creare 360 ​​volte più oro dal nulla, mentre un investitore al dettaglio medio deve trovare denaro contante per acquistare oro a prezzo pieno.

Gli ETF Bitcoin potrebbero eventualmente essere sfruttati allo stesso modo dei contratti futures. La stessa dinamica di ingegneria finanziaria di quest’anno potrebbe svolgersi anche l’anno prossimo. Questo molto probabilmente toglierà il vento dalle vele nel 2019.

U.Oggi: C’è ancora spazio per essere ottimisti su questi fondi?

Ras: Si C’è.

Il primo motivo è che gli HODLer possono resistere al modello di cui sopra semplicemente mantenendo le loro monete al di fuori del sistema finanziario. A differenza dell’oro o dell’argento, la maggior parte dei detentori di valuta nei mercati Bitcoin sta già immagazzinando le proprie monete lontano dal sistema, rendendo difficile per le istituzioni finanziarie prenderle in prestito.

A causa della natura difficile da prendere in prestito di Bitcoin, l’entità dell’impatto di ETF, futures e altri derivati ​​Bitcoin potrebbe essere inferiore rispetto a derivati ​​su materie prime che sono per lo più regolati in attività sottostanti. Tuttavia, i derivati ​​regolati in contanti possono potenzialmente influenzare il prezzo delle monete sottostanti.

Il riepilogo delle criptovalute

U.Oggi: Allora è meglio che teniamo gli occhi aperti. Ma spostiamo la nostra attenzione. Fai un bel po ‘di viaggi frequentando forum e tenendo discorsi. Qualcosa in particolare che ti ha colpito quest’anno?

Ras: Sono stato estremamente soddisfatto dell’affluenza ai più grandi eventi crittografici in Asia. L’enorme quantità di talento imprenditoriale, energia e fondi che vengono ancora versati nello spazio è sbalorditiva. Questo mercato ha un enorme potenziale per sconvolgere e trasformare l’intera economia, in particolare gli ecosistemi finanziari, sanitari e governativi.

U.Oggi: Come vedi il futuro del mercato delle criptovalute e, forse ancora più importante, Blockchain e DLT in generale?

Ras: Credo che la DLT e la crittografia siano accanto a invenzioni come il motore a vapore, il computer o Internet, una delle tecnologie più dirompenti della storia.

La blockchain è destinata a trasformare radicalmente il modo in cui viene svolta l’attività nei settori di tutto il mondo. Vorrei incoraggiare tutti a iniziare a prestare attenzione proprio ora.