Unicorn Ladies of Blockchain: da Marissa Mayer ad altri modelli di ruolo

Spesso, quando parliamo dei risultati delle donne in un campo tradizionalmente dominato dagli uomini, tendiamo a mettere in evidenza le stelle più brillanti e i record – o, per usare il linguaggio del settore, le donne “unicorno” del mondo tecnologico.

Sebbene questo focus sulle donne leader di maggior successo sia naturale e stimolante, può anche essere scoraggiante per le donne che stanno solo ora considerando di investire in criptovalute o di lavorare nel settore Blockchain. In effetti, la narrazione di una donna che “si dimostra” degna di essere in criptovaluta attraverso prestazioni eccezionali è in contrasto con i principi di uguaglianza e inclusione abbracciati dalla comunità Blockchain.

L’alto livello di competenza tecnica e professionalità imprenditoriale tra le donne leader nel settore tecnologico è innegabile, ma il termine “donne in criptovaluta” dovrebbe e ha una base molto più ampia.

Essere Marissa Mayer

Recentemente, Marissa Mayer, uno dei primi dipendenti di Google ed ex CEO di Yahoo, è tornata sotto i riflettori dei media tecnologici come fondatrice del suo incubatore di imprese tecnologiche Lumi Labs. Alcune pubblicazioni salutano la sua nuova avventura come un “ritorno”, ma forse questa inquadratura è guidata dalla ricerca di un titolo accattivante piuttosto che un vero commento sul suo percorso di carriera.

Chiaramente, la signora Mayer ha dedicato la maggior parte della sua vita alla raccolta di una vasta esperienza nel settore tecnologico. Sebbene i media non fossero concentrati sul suo lavoro, non ha cessato di essere una donna nel settore tecnologico e rimarrà una donna leader nel settore tecnologico anche se non ricoprirà mai più una posizione di vertice.

Il riconoscimento irregolare e limitato dei risultati femminili e la perpetuazione dell’immagine della “cultura del fratello” dell’industria tecnologica nei media possono oscurare il modo in cui stanno cambiando le opportunità per le donne in Blockchain. Mentre la percentuale di donne in ruoli di leadership di rilievo è in costante aumento, ci sono molti altri modi per le donne di unirsi alla comunità.

Le donne in criptovaluta si alzeranno per favore

Può sembrare che l’industria delle criptovalute, che emerge dall’intersezione tra tecnologia di sicurezza e finanza, sia piena di capacità con due tipi di attori: sviluppatori e venture capitalist. In verità, la comunità crittografica è molto più eclettica e le donne in crittografia non sono sempre le solite sospette.

Leah Callon-Butler ha scoperto Blockchain attraverso il suo lavoro nel campo delle energie rinnovabili ed è diventata una co-fondatrice di una piattaforma per i pagamenti basata su Blockchain nel settore degli adulti, che può sembrare una svolta improbabile degli eventi, ma ha perfettamente senso a un esame più attento. Riconoscendo una comunità bisognosa e un’opportunità, Leah ha applicato la sua precedente esperienza e i suoi talenti nello spazio crittografico:

“Ho sempre lavorato nelle tecnologie emergenti, in molti settori, ma mi sono concentrato sulle vendite e sullo sviluppo del business. Mentre stavo facendo il mio MBA, ho scoperto di avere una vera passione per l’impatto sociale. Quando ho scoperto la tecnologia Blockchain, mi ha sconvolto. Non riuscivo a immaginare un mondo in cui non fossimo controllati totalmente dalla centralizzazione “.

Nessuno che lavora in Blockchain oggi è stato addestrato specificamente o ci è nato: è una nuova tecnologia che riunisce professionisti lungimiranti di tutti i campi. Imprenditori, sviluppatori, investitori piccoli e grandi, analisti finanziari, banchieri. responsabili del marketing e delle pubbliche relazioni, dottorandi, avvocati di regolamentazione, consulenti fiscali in criptovaluta, organizzatori di eventi, entusiasti, evangelisti, agenti immobiliari e di viaggio, cineasti, musicisti, lavoratori adulti dell’industria e scrittori che raccontano le loro storie – tutte queste sono donne in crypto.

carta

Un modello vicino a te

Una breve panoramica delle recenti conferenze su criptovalute e Blockchain mostra che negli ultimi anni la partecipazione delle donne oratrici è cresciuta da meno del 10 percento (o, in un famigerato esempio, tre su 88) a oltre il 30 percento. Gli eventi educativi di criptovaluta e gli incontri per le donne stanno diventando sempre più diffusi ei prodotti basati su Blockchain sono sviluppati specificamente pensando al consumatore femminile.

Per esempio- Adryenn Ashley è una delle donne imprenditrici più influenti nella comunità crittografica oggi e sta concentrando i suoi sforzi su un’app di incontri in realtà aumentata che utilizza Blockchain per fornire alle donne (e agli uomini) un’esperienza di incontri sicura, protetta e naturale.

Creando una semplice app che sarà facile e divertente da usare, Adryenn spera di portare Blockchain, così come le libertà e le responsabilità che comporta, maggiormente nella consapevolezza del pubblico. È anche una delle tante donne leader in Blockchain che promuove iniziative che creano maggiori opportunità per le donne di tutti i livelli di abilità e ceto sociale di entrare nel mondo delle criptovalute come investitrici o fondatrici di startup.

Il grande equalizzatore

Se Blockchain può essere o meno una soluzione per tutti i problemi di sicurezza e fiducia digitali; che sia o meno la “macchina della verità” molti sperano che sia, Blockchain potrebbe avere successo laddove le iniziative di istruzione e pari opportunità non sono riuscite a dare alle donne un accesso uguale.

La natura decentralizzata delle reti crittografiche significa che non esiste un luogo centrale di potere o controllo, il che implica uguaglianza di opportunità e una barriera all’ingresso molto bassa. È qui che i più ferventi sostenitori delle tecnologie Blockchain ripongono le loro speranze – sulla sua capacità di includere coloro che sono privati ​​dei diritti sociali, economici e geografici.

Crystal Rose, il co-fondatore e CEO di una piattaforma di comunicazione AI, ha iniziato a programmare all’età di 11 anni dopo aver scoperto un’opportunità di apprendimento nelle chat room di AOL.

Da quei primi giorni di Internet, l’accesso all’istruzione online è migliorato e Blockchain può aprire ancora più porte a coloro che sono tagliati fuori dal settore bancario tradizionale, dall’istruzione e dalla stabilità politica.

Toni Lane Casserly, noto nella comunità come “The Joan of Arc of Blockchain”, ha assistito startup e organizzazioni come la Singularity University e le Nazioni Unite per quasi 10 anni.

È particolarmente interessata al modo in cui Blockchain può ridefinire la governance per garantire la dignità umana e la libertà.

Tony Lane crede che con la governance peer to peer, “stiamo incentivando fondamentalmente le persone ad avere la liberazione economica attraverso mercati reali aperti che si basano sulla gestione, la generazione e l’interdipendenza…. È un modo enorme per le donne di ottenere opportunità economiche. Stiamo cambiando le dinamiche per investire nelle donne e raccogliere fondi per le donne “.

Adryenn Ashley è d’accordo: senza la tecnologia Blockchain, le donne imprenditrici dovrebbero fare offerte per i tradizionali investimenti in capitale di rischio. “Le donne dovrebbero ottenere maggiori investimenti, ma non lo sono solo per il modo in cui è progettato il sistema. A meno che tu non sia un venticinquenne laureato a Stanford, maschio asiatico, non puoi scrivere qualcosa su un tovagliolo e ottenere un seme di $ 5 milioni. Blockchain offre alle donne l’opportunità di farlo e democratizza l’intero campo di investimento con ICO, vendite di token “.

L’industria delle criptovalute è un campo affascinante e in crescita con spazio per tutte le idee brillanti che le donne potrebbero non essere state in grado di realizzare altrove. Essendo stata una sviluppatrice, un’imprenditrice e lei stessa un angel investor, Crystal Rose ha un consiglio per le donne che entrano nel settore: correre più rischi. “Devi dire, ‘Ehi, voglio scommettere su questa cosa e voglio provarci.’ Penso che sarebbe bello vedere le donne che si fanno avanti con le idee prima perché puoi convalidarle più velocemente, puoi superare quel ciclo più velocemente e arrivare alla fase successiva. Vogliamo vedere le donne accelerate. “

carta