Cosa sono i token non fungibili?

La maggior parte di noi è abituata all’idea di monete e gettoni nel mondo delle criptovalute in quanto sono un’estensione naturale del mondo del denaro fiat. Li compriamo, li salviamo, li prestiamo e li usiamo per tutti i tipi di usi economici a cui siamo abituati.

Esiste, tuttavia, un diverso tipo di asset crittografico che non condivide le proprietà del denaro. Queste risorse sono più in linea con il mondo dei collezionabili e degli oggetti unici rari, come i mazzi di carte di Magic the Gathering e oggetti rari simili. Questi asset sono chiamati token non fungibili.

Fungibilità e non fungibilità

La fungibilità è la caratteristica delle cose con specifiche identiche, ergo sono intercambiabili tra loro senza perdita di valore. Pensa a una banconota da venti dollari: ogni banconota ha lo stesso valore di qualsiasi altra banconota da venti dollari, quindi ottenerne una non fa differenza che ottenerne un’altra, a condizione, ovviamente, che siano in buone condizioni. Sono fungibili semplicemente perché la Federal Reserve dice che valgono lo stesso.

Ciò significa che la fungibilità non è solo una caratteristica dell’oggetto, ma anche una proprietà che può essere permeata a un oggetto con mezzi legali. Questo può sembrare buon senso ai giorni nostri, ma non è sempre stato così.

Nei tempi antichi, la moneta coniata in un regno era raramente fungibile perché la purezza del metallo di base utilizzato per forgiare le monete differiva tra i lotti, i falsi spesso affliggevano grandi lotti di monete e se un monarca veniva usurpato, allora tutte le monete con la sua faccia su di esse perderebbero improvvisamente il loro valore. Il denaro fiat convenzionale non è la panacea che alcune persone inventano. In effetti, la fungibilità del denaro è un’invenzione relativamente moderna.

Il caso opposto è la non fungibilità. Qui, ogni articolo o gruppo di articoli è scarso e molto meno intercambiabile. Pensa a una carta Babe Ruth di Sporting News del 1916: ce ne sono poche al mondo e sarebbe difficile trovare una carta da baseball attuale che corrisponda al suo valore. Questa rarità li rende molto costosi se vuoi scambiarne uno con soldi, vendilo.

L’idea di non fungibilità è anche migrata alle blockchain e ha creato una speciale classe di token non fungibili. Questi gettoni sono progettati per essere scarsi, e non diversamente dalle carte Babe Ruth del 1916, dove il tempo ha fatto il suo lavoro eliminando gli originali.

Questo elemento di non fungibilità in questi token li rende molto utili per alcuni casi d’uso.

Quali sono alcune applicazioni dei gettoni non fungibili?

I collezionabili sono l’applicazione più immediata dei token non fungibili (NFT). Un primo esempio e ancora uno dei più riusciti è CryptoKitties, dove i giocatori allevano, crescono e scambiano gatti digitali sulla blockchain di Ethereum.

Un’altra versione molto popolare sono i giochi di carte. Come il già citato Magic the Gathering, i giochi di carte che utilizzano NFT stanno esplodendo nello spazio blockchain attraverso molti protocolli e non solo sulla blockchain di Ethereum. Giochi come Neon District e The Six Dragons stanno rendendo popolare il concetto.

Infine, stanno entrando nello spazio anche le franchigie sportive. All’inizio di quest’anno, la Major League Baseball ha annunciato che stavano progettando di lanciare il loro prossimo lotto di carte collezionabili sulla blockchain, riunendo così il passato e il futuro della raccolta di carte da baseball..

Come sono fatti gli NFT?

Ci sono generalmente due standard per i token non fungibili come sono apparsi per la prima volta sulla blockchain di Ethereum.

ERC721 introdotto dal team di CryptoKitties è diventato il primo standard a creare NFT in un protocollo blockchain. Lo standard è stato progettato nel linguaggio Solidity, quindi i modelli per creare e modificare questi tipi di risorse sono facilmente accessibili dalla libreria OpenZeppelin.

Per informazioni più dettagliate sugli smart contract, fare clic su Qui.

In generale, tutto ciò che è necessario per creare un NFT sono due cose. Uno, un modo per verificare chi possiede cosa e due, un metodo per trasferire la proprietà. Nella sua concezione di base, lo standard ERC721 è relativamente semplice, quindi è facile da usare e da modificare rapidamente.

ERC1155, creato dagli sviluppatori di Enjin, è uno standard che fornisce semi-fungibilità. Gli ID in questo standard rappresentano classi di risorse anziché singoli oggetti. Ad esempio, in un gioco di carte, potresti voler creare una classe di carte che rappresentano i draghi di ghiaccio. Invece di avere un NFT che rappresenta ogni singola carta, il gioco può creare millecinquecento carte nella classe e non farne mai più. Quindi, man mano che il gioco procede, il drago di ghiaccio diventa più scarso.

Questo apre la possibilità di trasferire i token alla rinfusa. Un early adopter con quattrocento draghi di ghiaccio potrebbe metterne all’asta la metà o spostarli su un account diverso. In precedenza questo non era possibile utilizzando lo standard ERC721. A causa di questo livello più elevato di efficienza, molti nuovi team di sviluppatori si stanno spostando da ERC271 a ERC1155 durante la creazione di nuovi progetti.

Ovviamente, Ethereum non è l’unica piattaforma a fornire standard per token non fungibili, sebbene la maggior parte delle innovazioni e dello sviluppo tendano ad avvenire nello spazio di Ethereum. Ad esempio, SuperRare utilizza gli NFT per vendere e collezionare arte digitale. Con un semplice portafoglio Ethereum, chiunque può iniziare a mettere insieme una raccolta di opere d’arte digitali da godere per la loro bellezza o scambiare per valore monetario.

Come possiamo vedere, il mondo dei gettoni non fungibili apre uno spazio completamente nuovo di possibilità per persone e progetti. La scarsità può essere una funzione del design o una rappresentazione dell’unicità dell’arte – il tutto contenuto in una blockchain che rende facile possedere, verificare e commerciare con un ampio pool di partecipanti al mercato.

Per saperne di più su come iniziare a fare trading, fai clic su Qui.

Come per qualsiasi cosa nel mondo delle criptovalute, questa è un’innovazione relativamente nuova. CryptoKitties ha meno di cinque anni e tutti i progetti successivi anche meno. Tuttavia, il mercato è stato cambiato radicalmente da questo nuovo tipo di token e l’innovazione è appena iniziata. Il futuro è luminoso per collezionisti e commercianti di articoli speciali.